CAAT

Centro Agro Alimentare di Torino

Avviso di indagine esplorativa di mercato per la concessione a titolo oneroso del diritto di superficie su un’area da destinare ad attività per valorizzare e ampliare la commercializzazione e l’offerta merceologica presso il CAAT s.c.p.a.

Avviso di indagine esplorativa di mercato per la concessione a titolo oneroso del diritto di superficie su un’area da destinare ad attività per valorizzare e ampliare la commercializzazione e l’offerta merceologica presso il CAAT s.c.p.a.

Avviso di indagine esplorativa di mercato per la concessione a titolo oneroso del diritto di superficie su un’area da destinare ad attività per valorizzare e ampliare la commercializzazione e l’offerta merceologica presso il CAAT s.c.p.a.

Prot. 661 del 15 giugno 2020

  

AVVISO DI INDAGINE ESPLORATIVA DI MERCATO PER LA CONCESSIONE A TITOLO ONEROSO DEL DIRITTO DI SUPERFICIE SU UN’AREA DA DESTINARE AD ATTIVITA’ PER VALORIZZARE E AMPLIARE LA COMMERCIALIZZAZIONE E L’OFFERTA MERCEOLOGICA PRESSO IL CAAT S.C.p.A

 

 

CAAT. S.c.p.a. (di seguito “CAAT”) è una società di diritto privato a prevalente partecipazione pubblica, costituita per la costruzione e gestione di un servizio d’interesse generale consistente nel Centro Agroalimentare di Torino (il “Centro”). 

Nell’ambito della strategia di valorizzazione delle proprie aree, in ossequio alle previsioni di cui al Piano di sviluppo 2018/2022, CAAT intende promuovere un’indagine di mercato volta ad acquisire eventuali manifestazioni di interesse per consentire:

1)      l’ampliamento delle modalità di commercializzazione e delle categorie merceologiche offerte presso il Centro;

2)      l’estensione oraria dell’attività rispetto agli orari ordinari di funzionamento del Centro;

3)      l’acquisizione di nuovi utenti.

 

Per le ragioni sopra esposte, CAAT intende concedere a terzi, a titolo oneroso e per una durata determinata, il diritto di superficie su una porzione d’area del Centro, su cui insiste anche un fabbricato.

A tali fini, con determina del Direttore Generale n. 256 del 12 giugno 2020, il CAAT ha deciso di dar corso alla presente indagine esplorativa di mercato (la “Fase 1”), prodromica all’eventuale avvio, previa apposita deliberazione del Consiglio di Amministrazione del CAAT, di una procedura comparativa a inviti (la “Fase 2”)avente a oggetto la selezione di un operatore economico al quale concedere il diritto di superficie sulla predetta area del Centro, nel prosieguo precisamente identificata, da destinare ad attività finalizzate a valorizzare e ampliare l’offerta merceologica del CAAT (la Fase 1 e la Fase 2 saranno complessivamente citate come la “Procedura”).

La Fase 1 è esclusivamente finalizzata a consentire al CAAT di individuare le modalità di utilizzo e valorizzazione dell’area oggetto della Procedura nonché il relativo valore economico.

Pertanto, nella Fase 1 gli operatori economici interessati formuleranno proposte non vincolanti, da sottoporre al Consiglio di Amministrazione del CAAT. Quest’ultimo valuterà discrezionalmente gli esiti della Fase 1 e, conseguentemente, deciderà se avviare la Fase 2 individuandone, a proprio insindacabile giudizio,  i contenuti, i termini e la disciplina.

Nell’ambito della Fase 2, i soggetti invitati potranno formulare le proprie offerte liberamente, indipendentemente dai contenuti della proposta presentata nella Fase 1, con il solo limite del rispetto della lex specialis che sarà contenuta nella lettera d’invito alla Fase 2 e nei relativi allegati.

I soggetti interessati a partecipare all’indagine esplorativa della Fase 1, in possesso dei requisiti sotto indicati, possono trasmettere la loro proposta non vincolante nei termini e con le modalità di seguito esplicate.

I soggetti in possesso dei requisiti indicati al paragrafo 6, che presenteranno una proposta non vincolante conforme al presente avviso e ai relativi allegati, saranno invitati a partecipare alla Fase 2, qualora il Consiglio di Amministrazione di CAAT delibererà di dare corso alla stessa.

Allo stesso modo, l'avvio della Fase 1 e la conseguente ricezione delle proposte non vincolanti non determinano alcun impegno precontrattuale o di altra natura per il CAAT, che ha la facoltà di interrompere, sospendere, modificare o annullare, in qualunque momento, ogni procedura avviata o, comunque, di non dare seguito alla selezione del contraente, senza che gli operatori interessati possano vantare alcuna pretesa.

Il presente avviso non costituisce un invito a offrire, né un'offerta al pubblico ex art. 1336 del Codice Civile. Inoltre, con il presente avviso non è indetta alcuna procedura ai sensi del D. Lgs. 50/2016.

 

1.         CONCEDENTE E RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Centro Agro Alimentare Torino S.C.p.A. o "CAAT" – Strada del Portone n. 10 – Grugliasco (TO), tel. 011/3496810, fax 011/3495425, posta elettronica certificata amministrazione.caat@cert.dag.it, sito web www.caat.it.

Il CAAT ha nominato quale Responsabile del procedimento il dott. Francesco Gerbi (in seguito il “RUP”), contattabile ai seguenti recapiti: tel [011 3496810], email [gerbi@caat.it], p.e.c. [contratti@caat.it].

 

2.         OGGETTO

Il presente avviso ha a oggetto la presentazione di proposte non vincolanti per la valorizzazione di una porzione d’area del Centro, compiutamente indicata e descritta al paragrafo seguente (l’”Area”), da destinare ad attività finalizzate a valorizzare e ampliare l’offerta merceologica del CAAT.

 

3.              DESCRIZIONE DELL’AREA

 -                         LOCALIZZAZIONE

L’Area è ubicata nel Comune di Rivoli, in Corso Allamano 202/a con ingresso in Grugliasco, Strada del Portone 30), all’interno di una zona industriale attrezzata nell’area Nord-Ovest di Torino.

 Principali distanze dai luoghi di maggiore interesse:

•             Centro Città di Torino: km 13

•             Stazione Ferroviaria di Porta Nuova: km 12

•             Aeroporto di Caselle: km 26,5

•             Tangenziale Nord (uscita Allamano): km 3,6

•             2000/2500 ingressi giornalieri in media

 

-                         CARATTERISTICHE E COMPOSIZIONE DELL’AREA

 L’Area consta di una superficie fondiaria (SF) di circa 24.781 mq, cui è asservita una superficie destinata a parcheggi standard commerciale di circa 250 mq per una superficie territoriale complessiva di circa 25.031 mq, come meglio identificata nell’Allegato 2 (Tavola 02).

 L’Area è così costituita:

 -              un terreno che ospita parcheggi privati (11.481 mq c.a.), verde privato (3.500 mq c.a.), viabilità interna (2.575 mq c.a.) e su cui insistono 2 fabbricati, con accesso da strada (privata CAAT) esterna, di collegamento alla viabilità cittadina;

-              un fabbricato destinato attualmente a mercato ortofrutticolo, composto da stand di stoccaggio e servizi annessi. L’edificio si articola su due piani fuori terra ed è costituito da parte nord e parte sud, separate da una galleria a tutta altezza, per l’esposizione della merce.

Gli ambienti settentrionali sono organizzati in tre blocchi di 4 locali ciascuno. All’interno di ciascun blocco la separazione fisica tra gli ambienti è realizzata con base in calcestruzzo e rete. I locali risultano a doppia altezza, con soppalco nella porzione nord, raggiungibile da scala interna; sono dotati di deposito al piano terreno e servizi igienici al piano soppalco.

A sud il fabbricato è analogamente composto da 3 blocchi. Al piano terreno, il blocco est ed il blocco ovest sono ciascuno suddiviso in 4 stand, dotati di servizi igienici e separati tra loro da pareti in muratura. Il blocco centrale ospita un unico stand. Il piano primo è composto da un ballatoio di distribuzione e 3 ampi locali, che occupano integralmente la superficie di ciascuno dei 3 blocchi.

Il fabbricato è dotato di 4 banchine di carico agli estremi est ed ovest, raggiungibili da rampa, mentre tutti gli stand del piano terreno sono accessibili al piano di campagna;

-              un basso fabbricato destinato a locali tecnologici, ubicato a sud dell’area composto da  tre locali, di cui uno contenente il gruppo elettrogeno a servizio  esclusivo, un locale Enel a gestione esclusiva dell’Ente di fornitura ed un locale contenente i contatori utenti.

 

Si precisa che ogni allacciamento a utenze, nonché alla rete per la trasmissione dati saranno ad esclusivo carico del futuro assegnatario del diritto di superficie.

 

L’Area oggetto di concessione è evidenziata in rosso nella planimetria riportata nella pagina seguente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

-                         INQUADRAMENTO URBANISTICO DELL’AREA

 

I principali strumenti urbanistici che regolamentano l’Area sono:

 P.R.G.C. Città di Rivoli – Variante Strutturale n° 1S/2003 – Norme di Attuazione

P.R.G.C. Città di Rivoli – Variante Strutturale n° 1S/2003 – Schede normative

P.R.G.C. Città di Rivoli – Tavole di piano 3C – Foglio 15

 

Tali documenti classificano l’Area quale I-F-CAAT destinata a “Strutture e servizi di interesse generale, di livello metropolitano, per la commercializzazione e la distribuzione di prodotti agro-alimentari nel contesto dell’area produttivo commerciale costituente il Polo Integrato CIM – CAAT

 Gli interventi ammessi sono tutti i tipi “sino a interventi di nuova costruzione e di ampliamento” con specifica “Concessioni nell’ambito del P.E. (ndr leggasi Piano Esecutivo) approvato”.

Il Piano Esecutivo (o attuativo) approvato, sebbene decaduto stante i 10 anni dall’emissione, è il Piano Insediamenti Produttivi (P.I.P.) Interporto Torino Orbassano nella sua Variante del 2 dicembre 2004.

Relativamente all’Area proposta in concessione, tale Piano riporta quali destinazioni ammesse:

                 “Area I

                Destinata al Centro Agro Alimentare:

-                      fabbricati per lo stoccaggio, la conservazione, il trattamento, la confezione, la distribuzione e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari;

-                      servizi amministrativi e gestionali del C.A.A.T., attività direzionali connesse o indotte (uffici pubblici e privati), servizi di pertinenza (A.S.L., laboratori C.C.I.A.A., borsa merci, centro incontri, etc.), servizi di supporto (bar, ristorante, self-service, negozi, ecc.), servizi bancari;

-                      fabbricati tecnologici per impianti;

-                      aree e fabbricati raccolta e trattamento rifiuti dell’area C.A.A.T. e ricovero mezzi di trasporto;

-                      fabbricati per il ricovero e la manutenzione (compresa ricarica) dei mezzi ausiliari (elettrici) per la movimentazione interna;

-                      fabbricati a servizio degli addetti (sede cooperative facchini, mensa, servizi sociali, etc.);

-                      tettoie a protezione delle operazioni di carico/scarico (scalo ferroviario e grandi vettori);

-                      alloggio custode;

-                      corpo di guardiania e controllo degli accessi;

-                      piazzali di parcheggio mezzi di conferimento e mezzi acquirenti, eventualmente coperti da tettoie;

-                      parcheggi mezzi pesanti;

-                      parcheggi per autovetture”

 

L’Area è soggetta alle seguenti prescrizioni, derivanti dal P.I.P. originario:

 -              superficie coperta (S.C.)               ≤ 50% della S.F.

-              parcheggi privati                              > 25% della S.F.

                                                                               > (S.F.-S.C.)/2

-              verde privato                                    > 10% della S.F.

 

Non sussistono vincoli di carattere paesaggistico né per la tutela, né per la salvaguardia degli immobili esistenti.

 Per l’inquadramento urbanistico di dettaglio si rinvia all’Allegato 2 (Tav. 02).

  

4.         DURATA E ONEROSITA’

 Il diritto di superficie sull’Area avrà durata pluriennale, comunque non inferiore ad anni 25 e la sua concessione sarà a titolo oneroso.

La durata del contratto, la disciplina della restituzione dell’Area al termine del rapporto, il valore a base d’asta e le modalità di pagamento del corrispettivo da parte del futuro concessionario saranno dettagliate nella lettera d’invito che darà avvio alla Fase 2.

 

5.         CRITERIO DI SELEZIONE

Fermo restando quanto chiarito in premessa, in base alle proposte non vincolanti che giungeranno nell’ambito della Fase 1 e alla loro valutazione discrezionale, il CAAT individuerà e articolerà il criterio di selezione e quelli di valutazione delle offerte della Fase 2.

Saranno ammessi alla Fase 2 i soggetti in possesso dei requisiti indicati al paragrafo 6, che presenteranno una proposta non vincolante ai sensi e nel rispetto del presente avviso e dei relativi allegati.

La selezione del futuro concessionario dell’Area avverrà nell’ambito della Fase 2, in base alle offerte che giungeranno nel corso della stessa.

 

6.         REQUISITI MINIMI DI PARTECIPAZIONE E SOGGETTI AMMESSI

Requisiti di ordine generale

Sono ammessi a partecipare alla Procedura gli operatori economici e le persone fisiche che non si trovano in una delle situazioni previste dall’art. 80 del D.Lgs. 50/2016 quali motivi di esclusione dalle procedure per l’affidamento di appalti pubblici.

Requisiti specifici

Sono ammessi a partecipare alla Procedura gli operatori economici:

(i)              se si tratta di persone giuridiche, in possesso di iscrizione presso Registro delle Imprese e/o all’Albo delle Imprese Artigiane o da altro registro o albo professionale per attività compatibili con le finalità della Procedura (commerciale, di natura logistica, produttiva, anche nel comparto agroalimentare, immobiliare);

(ii)            in ogni caso, in possesso di un’adeguata solvibilità economico-finanziaria, da dimostrare allegando due dichiarazioni bancarie, recanti data non anteriore a tre mesi rispetto a quella di pubblicazione del presente avviso di indagine esplorativa e indirizzate al CAAT con l'indicazione dell'oggetto della Fase 1, relative a ciascun soggetto partecipante, dalle quali risulti che il proponente ha sempre fatto fronte ai propri impegni con regolarità e puntualità ovvero, qualora non fosse possibile produrre entrambe le dichiarazioni in questione, una dichiarazione a firma del proponente recante i motivi ostativi all'esibizione, unitamente ad altra documentazione idonea ad attestare l’adeguata solvibilità e alla dichiarazione bancaria a disposizione;

È ammessa la partecipazione anche da parte di soggetti raggruppati e/o consorziati.

 

7.         PROCEDURA

Gli operatori economici interessati, in possesso dei requisiti di cui al punto precedente, dovranno presentare una proposta non vincolante, utilizzando i modelli allegati, compilati in ogni loro parte e formalizzati con sottoscrizione olografa del soggetto munito di poteri.

 La proposta non vincolante deve contenere:

a)     se presentata da persona fisica: le generalità complete con indicazione della residenza e del codice fiscale dell’interessato e copia di un documento di identità in corso di validità (vedi fac-simile All. 3);

b)    se presentata da persona giuridica: l’esatta ragione/denominazione sociale dell’ente e codice fiscale/partita iva, indicazione delle esatte generalità del firmatario munito di giusti poteri e di copia di un documento di identità in corso di validità (vedi fac-simile All. 4).

 

In ogni caso, il proponente deve dichiarare di possedere i requisiti indicati al paragrafo 6.

Non sono consentite correzioni, cancellature, abrasioni.

 

I soggetti interessati dovranno altresì redigere e allegare una relazione di massima (la “Relazione di massima”) contenente:

 1. la descrizione sommaria della proposta di valorizzazione dell’Area, indicando le correlazioni con l’attività e il comprensorio del CAAT;

 2. la valutazione indicativa del valore economico della concessione del diritto di superficie sull’Area, da articolare in: (i) importo indicativo da pagare a titolo di corrispettivo iniziale, in un’unica soluzione, al momento della sottoscrizione del contratto e (ii) importo indicativo del canone annuale.

 

A seguito della ricezione delle proposte non vincolanti nei termini di cui al successivo punto 8 e in base alle proprie valutazioni discrezionali sulle stesse, il CAAT individuerà tutti i contenuti specifici e la disciplina della Fase 2 e vi potrà dare avvio.

 

8.         TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE NON VINCOLANTI 

L’interessato, a pena di esclusione, dovrà far pervenire il plico contenente la propria proposta non vincolante articolata come indicato al paragrafo che precede, entro e non oltre il termine perentorio del 15 ottobre 2020, ore 12:00, presso CAAT S.c.p.a. – Strada del Portone 10 – Grugliasco – Ufficio Protocollo – Edificio direzionale.

I plichi che perverranno oltre il suddetto termine non saranno aperti e verranno considerati come non consegnati.

La proposta non vincolante dovrà essere inserita in una busta chiusa e sigillata. Il plico, sigillato sui lembi di chiusura, dovrà pervenire a mezzo raccomandata del servizio postale, oppure a mezzo corriere nazionale espresso, ovvero a mezzo corriere privato. E’ altresì facoltà dei soggetti interessati consegnare a mano il plico. In tal caso, il personale addetto rilascerà ricevuta sulla quale saranno indicate data e ora di ricezione del plico.

Il recapito tempestivo dei plichi rimane ad esclusivo rischio dei mittenti, restando esclusa qualsivoglia responsabilità per CAAT ove, per qualsiasi motivo, lo stesso non pervenga entro il termine stabilito.

 

Sui plichi, oltre all’esatta indicazione della ragione sociale o denominazione del mittente, con relativo indirizzo, dovrà essere riportata la dicitura “Proposta non vincolante per concessione a titolo oneroso del diritto di superficie su un’area da destinare ad attività per valorizzare e ampliare la commercializzazione e l’offerta merceologica presso il CAAT”, il codice fiscale/partita iva del soggetto interessato, i numeri di telefono e fax, unitamente all’indirizzo PEC. Non saranno aperti i plichi privi di tali indicazioni.

 

Non sono ammesse proposte presentate per telegramma o via fax, per mail o pec né condizionate o espresse in modo indeterminato o indeterminabile.

 

9.         VINCOLI DEL FUTURO ASSEGNATARIO

 Si evidenziano di seguito alcuni vincoli ai quali il futuro concessionario dell’Area sarà in ogni caso tenuto. 

L’Area è da destinare ad attività per valorizzare e ampliare la commercializzazione e l’offerta merceologica presso il comprensorio del Centro.

 

La concessione del diritto di superficie dell’Area avverrà nello stato di diritto e di fatto in cui essa si trova, priva di passività ambientali, nonché di eventuali ipoteche.

Allo stato, l‘Area è parzialmente occupata e pertanto la concessione del diritto di superficie decorrerà dalla liberazione degli spazi, rispetto al cui termine il futuro assegnatario dell’Area non potrà eccepire alcunché, così come rispetto allo stato dell’immobile.

 

L’Area insiste all’interno di un comprensorio agroalimentare ove vengono erogati servizi gestiti dal CAAT quali: teleriscaldamento, antincendio, illuminazione aree comuni, manutenzione aree verdi, manutenzione degli impianti termo-fluidici ed elettrici, sgombero neve e altri. Per i suddetti servizi comprensoriali, i titolari di spazi riconoscono al Centro una quota parte dei relativi oneri. Pertanto, anche il futuro assegnatario dell’Area dovrà riconoscere al CAAT gli oneri comprensoriali, che saranno quantificati nell’ambito della Fase 2, anche in considerazione dei termini specifici della stessa.

 

Il futuro assegnatario dell’Area dovrà rispettare tutte le leggi, regolamenti e circolari emanati ed emanandi dal CAAT e gli orari collegati al funzionamento del Centro, che nel complesso ne costituiscono la disciplina.

 

L’assegnatario dovrà prendere visione del Codice Etico adottato dal CAAT e pubblicato sul sito della società stessa (www.caat.it), impegnandosi a rispettarne integralmente i contenuti.

 

10.     SOPRALLUOGHI E RICHIESTE DI CHIARIMENTI

Eventuali sopralluoghi, quesiti o richieste di chiarimenti in merito al presente avviso di indagine preliminare di mercato potranno essere formulati al RUP entro il termine del30 settembre 2020 al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: contratti.caat@legalmail.it. Per contatti telefonici: 011 3496810.

 Le risposte ai quesiti pervenuti entro il termine sopra indicato – unitamente alle relative richieste, in forma anonima - saranno pubblicate sul sito di CAAT alla sezione “Inviti ad offrire”.

 

11.      PUBBLICAZIONE

Il presente avviso e i relativi allegati sono pubblicati sul sito www.caat.it alla sezione “inviti ad offrire”.

 

12.     PRIVACY

Ai sensi del GDPR 679/16, si informa che i dati conferiti dal proponente verranno trattati dal CAAT, in qualità di Titolare del trattamento, anche con mezzi informatici e esclusivamente per le finalità di cui alla presente procedura. Il loro conferimento ha natura facoltativa, fermo restando che il proponente che intende partecipare deve fornire al CAAT la documentazione richiesta dal presente avviso e dalla vigente normativa. La mancata produzione dei predetti documenti nella Fase 1 comporta che la proposta non vincolante presentata non sarà presa in considerazione ai fini della Fase 2 e il proponente non vi sarà invitato.

I dati personali raccolti potranno esser comunicati o, comunque, messi a conoscenza: (i) del personale del CAAT che cura il procedimento; (ii) di ogni altro soggetto che ne abbia diritto ai sensi del GDPR 679/16. I dati non saranno oggetto di diffusione a meno di disposizioni di legge contrarie. Il trattamento avverrà in Italia e UE. I dati personali relativi alla selezione saranno conservati dal Titolare per dieci anni dalla conclusione della selezione. È fatto salvo l’ulteriore trattamento dei dati di selezione in caso di instaurazione del rapporto di lavoro e/o di collaborazione. All'interessato interessato sono riconosciuti, ove applicabili, i diritti di cui agli artt. dal 15 al 22 del GDPR 679/16, di accesso, rettifica, cancellazione, limitazione, portabilità, opposizione, assenza di processi di decisione automatizzati; inoltre all’interessato è riconosciuta la facoltà di proporre reclamo al Garante (www.garanteprivacy.it). Per l'esercizio di tali diritti, da porre in essere ai sensi e per gli effetti del GDPR 679/16, l'interessato potrà rivolgersi al Titolare del trattamento, C.A.A.T. S.C.p.A. o al responsabile della protezione dei dati, individuato in Spaziottantotto srl, dpo@spazio88.com

 

13.     ALLEGATI

Costituiscono allegati al presente avviso e parti integranti dello stesso:

  • Allegato 1: Planimetria generale con evidenza aree in concessione
  • Allegato 2: Planimetria area in concessione con allegata Scheda di inquadramento urbanistico e piante e sezione edificio principale
  • Allegato 3: Fac-simile proposta non vincolante – p. fisica
  • Allegato 4: Fac-simile proposta non vincolante – p. giuridica

 

 

 

Grugliasco, 15 giugno 2020

 

 IL DIRETTORE GENERALE

Gianluca Cornelio Meglio