CAAT

Centro Agro Alimentare di Torino

Politica Ambientale

Politica Ambientale

 

 La Società Consortile Centro Agro Alimentare Torino “C.A.A.T. S.c.p.A.” (CAAT), a prevalente partecipazione pubblica, gestisce il Centro Agro Alimentare (Centro) di Torino, ubicato in Strada del Portone n. 10 nel Comune di Grugliasco (TO), dedicato al commercio all’ingrosso di prodotti agroalimentari e florovivaistici.

In particolare, CAAT gestisce il patrimonio immobiliare (fabbricati adibiti a uffici, centro ingressi, mercato ortofrutticolo, area dei produttori locali, magazzini, piattaforme logistiche, ricovero e ricarica mezzi per la logistica interna, etc.) ed i servizi necessari al funzionamento del Centro (regolamentazione, locazione spazi, servomezzi generali, raccolta e gestione rifiuti, pulizia fabbricati e aree esterne, vigilanza, antincendio, etc.).

CAAT funge da anello di congiunzione tra la produzione e la distribuzione all’interno della filiera agroalimentare, favorendo lo scambio commerciale nel segmento Business to Business.

Considerata la propria mission ed il ruolo strategico rivestito in ambito territoriale, CAAT sviluppa la propria politica ambientale non solo considerando la realtà interna al Centro bensì il contesto e tutti gli attori esterni, istituzionali e non, con cui si intrecciano gli interessi.

Negli ultimi anni le autorità pubbliche e molti soggetti economici privati hanno avviato strategie di sviluppo sostenibile finalizzate a promuovere un modello economico circolare che tenga conto dell’integrità degli ecosistemi e dell’equità sociale, nel rispetto degli obiettivi di sostenibilità fissati dall'Agenda 2030, sottoscritta nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell'ONU.

CAAT, in linea con l’art. 3 del proprio Statuto che afferma “Nel perseguimento degli scopi sociali la gestione della società avrà riguardo alle linee generali programmatiche tracciate dagli enti pubblici territoriali per il settore specifico e per la relativa area di intervento”, intende fornire un contributo concreto alla strategia di sviluppo sostenibile della Regione Piemonte, con particolare riferimento all’obiettivo dell’Agenda 2030 n. 12 “Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo”, che prevede entro il 2030, tra l’altro, di:

  • dimezzare lo spreco alimentare pro capite a livello di vendita al dettaglio e dei consumatori e ridurre le perdite di cibo durante le catene di produzione e di fornitura;
  • ridurre in modo sostanziale la produzione di rifiuti alimentari;
  • informare tutte le persone sull’importanza di uno stile di vita in armonia con la natura;
  • incoraggiare le imprese ad adottare pratiche sostenibili ed integrare le informazioni sulla sostenibilità nei loro resoconti annuali.

In tal senso muove il Piano Industriale e di Sviluppo 2018-2022 di CAAT, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 21 dicembre 2018, che traccia le seguenti linee strategiche in ambito ambientale:

  • migliorare il sistema di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti nel Centro;
  • promuovere corrette prassi ambientali da parte di tutti gli utenti del Centro;
  • efficientare il fabbisogno energetico del Centro;
  • incentivare forme di mobilità e logistica sostenibili;
  • supportare iniziative per la donazione di alimenti non più destinati alla vendita ma ancora edibili.

 

CAAT ha individuato nell’adozione di un Sistema di Gestione Ambientale (SGA), conforme allo standard di eccellenza ambientale internazionale ISO 14001, lo strumento più efficace per implementare la propria politica, al fine di:

  • perseguire la protezione e salvaguardia dell’ambiente;
  • soddisfare nel tempo tutti gli obblighi di conformità in campo ambientale, garantendone un controllo sistematico;
  • perseguire un ragionevole e continuo miglioramento del SGA, per accrescere le prestazioni ambientali in un’ottica di ciclo di vita;
  • integrare e rafforzare l’efficacia del Modello di organizzazione, gestione e controllo, al fine di prevenire l’eventuale commissione di reati ambientali e ridurre il rischio di sanzioni;
  • aumentare la consapevolezza ed il coinvolgimento ambientale del personale, dei fornitori e degli utenti;
  • migliorare l’immagine e la credibilità ambientale nei confronti di tutte le parti interessate.

Il campo di applicazione del SGA è costituito da tutte le attività svolte da CAAT, direttamente o affidandosi a soggetti terzi sui quali possa esercitare un significativo grado di controllo ed influenza.

Il presente documento costituisce la guida del SGA ed il quadro di riferimento per stabilire e riesaminare gli obiettivi ambientali.

 

Grugliasco (TO), 6 ottobre 2020                                                                      Il Presidente                                                                                                                                               Ing. M. Lazzarino